Cari amici e cari soci,

la consueta gita dei tre giorni quest’anno ci ha portato a visitare uno degli angoli più caratterstici delle Dolomiti, il gruppo dell Odle.

Come sempre l’impegno richiesto al nostro apparato digestivo è stato pari a quello richiesto al fisico per superare dislivelli e ferrate e chi ci ha accompagnato per la prima volta a lungo rimarrà scosso alla vista di formaggio e salame…

Il ritrovo con gli amici piemontesi al posteggio di Selva di Val Gardena è, ovviamente, la prima buona occasione per festeggiare e nessuno di noi si tira indietro.DSC00951

Smaltite le prime scorte iniziamo a percorrere la Vallunga, in direzione del rifugio Puez.

IMG_0659

Il meteo inizialmente sembra fare un po’ i capricci e una pioggerellina leggera rinfresca il nostro cammino. Il morale è comunque alto (ricordarsi sempre che “mucca su mucca non vale!”) e siamo attrezzati, con stile, per ogni evenienza!DSC00958La salita viene superata agevolmente da tutti, esce un timido sole e ben presto siamo al rifugio Puez, sovrastato dall’omonimo Col Puez.IMG_0669 Dopo una breve pausa ristoratriceIMG-20190715-WA0020parte del gruppo si dedica alle discipline orientaliDSC00984mentre un manipolo di coraggiosi affronta con determinazione la salita al Col Puez conquistandolo con rapido e sicuro passo.IMG_0685

Il secondo giorno si preannuncia bello e soleggiato. La notte è passata, nel bene o nel male a seconda del vicino di letto, e il gruppo si presenta puntuale per la foto di rito davanti al rifugio.DSC00988

Un panorama mozzafiato ci accompagna verso la forcella Nives, ma un vento gelido non ci dà tregua e non si trova un angolo che non sia sferzato da quei maledetti refoli.67477675_467822254031049_1970227049159196672_o

Poco prima dell’ultima rampa verso la forcella, il capogita trova un posticino riparato e subito si prepara la merenda. Che siano appena le nove di mattina ha poca importanza e il banchetto è completo!IMG_0703Raggiunta la cresta che porta verso la forcella il panorama si apre sia verso sud e il Col Dala Pieres DSCN0656che verso ovest in direzione delle Odle, Sas Rigais e La Furcheta.66798505_467822394031035_5650379148355436544_o Da forcella Nives fino alla vetta di Piz Duleda (2909 m) avviene rapida e sempre battuta dal vento. Una veloce foto di vetta IMG-20190715-WA0030e si torna alla forcella Nives proseguendo poi in direzione di forcella della Roa. Un breve tratto attrezzato ci vede coinvolti in un ingorgo con un gruppo di austriaci provenienti in direzione opposta e contraria.

 

 

DSCN0680

 

 

Fortunatamente il nostro valoroso vice-capogita impartisce ordini in entrambe le lingue ed esorta a “defluire con ordine” fino a quando l’empasse non viene risolta. Il tempo di fare la pausa pranzo e la discesa prosegue senza intoppi nella bella vallata Ncisles fino al rifugio Firenze.

 

 

DSCN0691

 

 

 

 

DSCN0702

 

 

La serata passa in allegria e ci si prepara per la notte nel camerone tutti assieme accompagnati dall’enrosadira sui monti attorno al rifugio.DSCN0705La terza giornata si preannuncia come la più impegnativa e i concerti notturni non aiutano alla massima conentrazione. Non per questo la puntualità deve venire meno e alle otto siamo pronti per la partenza verso la ferrata di Sas Rigais. DSC017401-HDR Oggi si viaggia leggeri, dato che al ritorno si passa nuovamente per il rifugio Firenze… IMG_0730la salita verso l’attacco della ferrata prevede il superamento di un lungo ghiaione ma la fatica è abbondantemente ricompensata da una bellissima via ferrata, molto appigliata e con passaggi inseriti con molta naturalezza lungo la via di salita.

 

 

 

 
DSC01072

 

 

 

Raggiunta la vetta prima della foto ci si deve rifocillare, va bene viaggiare leggeri ma proprio non lo vogliamo portare qualche genere di prima necessità?

 

 

DSCN0753

 

 

Recuperate le forze è l’ora della foto sulla sommità (3025 m) DSC01791e poi subito pronti a scendere, la strada da fare è ancora lunga! IMG_0765Sembra un salto nel vuoto ma la via c’è.67160000_467823077364300_6799451778149515264_oUna meritata pausa radler e birra al rifugio risulterà essere solo il preludio…DSC01137… al banchetto finale sul prato di fronte al rifugio Juac poco prima di terminare la discesa. DSC01140

La lunga giornata ed anche la bella gita è finita, la notte ci accoglie durante il ritorno verso casa. 66882342_467822684031006_2933466378314711040_o

TORNAIT

Post filed under Diario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *